iconTorna a tutte le Mostre e Installazioni
LO SPAZIO SUL COMODINO

Qual è la soglia tra la veglia e il sonno? Tra il reale e il sognato? Tra lo spazio concreto del comodino su cui poggiamo il kit di sopravvivenza alla notte, e lo spazio epifanico del lavoro artistico che svela, dissotterra, emerge da un altrove, come se la fotografia potesse vedere dove l’occhio non vede, e non sa. 

La fotografia entra in questa soglia e la dilata, ciò che ci sembra istantaneo e confinale, indefinibile e netto, nella fotografia di Delluzio diventa un luogo vivo, abitato, infinito. 

Possiamo entrare in quella soglia, come nell’armadio di Narnia, e conoscere dove vanno le cose, le storie degli oggetti cui voltiamo le spalle quando spegniamo la luce, il fremito vitale di quello che tocchiamo e che prolunga di noi, indipendentemente da noi. 

Il comodino è uno spazio ristretto e prossimo, un’ancora per la zattera su cui lasciamo andare la deriva del sonno. È proprio in una porzione di spazio ridotta all’essenziale che può mostrarsi l’onirico del reale, ciò che Delluzio vede sono i sogni degli oggetti o gli oggetti dei nostri sogni? 

Delluzio indaga questa dicotomia, possiamo trovare nelle sue opere qualcosa in cui ci riconosciamo, che ricordiamo di aver vissuto, una memoria che si forma per suggestioni e visioni, e che compone il nostro sguardo. Nel contempo possiamo scoprire prospettive che ci sorprendono, e che aprono su territori sconosciuti, permettendoci di essere pionieri. 

L’utilizzo straordinario – nel senso letterale di fuori dall’ordinario – degli elementi naturali ci svela ciò che resterebbe nel mondo delle spore e delle schegge, quanto sviluppo biologico ci sia in un frammento di bosco, quanto elemento pittorico esprimono le superfici naturali, una tavolozza infinita di tratti e forme. Non si può prescindere dalla pittura parlando della fotografia di Delluzio, ciò che calpestiamo il più delle volte è un dettaglio di un quadro cosmico. 

L’acqua trasforma tutto quello con cui entra in contatto, come liquido amniotico, partorisce dal bidimensionale al tridimensionale, dal composto all’esplosione. L’acqua utilizzata per la composizione dell’immagine, non è solo un filtro naturale, ma un movimento vitalizzante, un’alleanza creativa tra uomo e natura. Nel percorso del progetto artistico si intuisce un viaggio generatore, come se ogni opera portasse alla successiva, in un dialogo costante dell’autore con ciò che produce, un elemento naturale che torna, si sviluppa e si trasfigura. Gli oggetti che riconosciamo, il libro o la sveglia, sono trattati al pari di una corteccia o di u sasso, in questo pianeta lunare che è il mondo dei sogni di Delluzio, la materia è ugualmente trattabile, e la pagina ha la stessa mortalità di un fiore

Ed ecco, dentro questo luogo dalle tonalità terrigne, autunnali, concreto e testimoniabile, la rappresentazione istantanea di un altrove, l’elemento perturbante: la piccola casa a pois e il ciclamino, con il colore della favola e dell’erotismo, raccontano un’altra storia della notte, la parte di notte che abitiamo col corpo. Come intravedere la bocca che si apre durante un sogno, un cassetto sul reale lasciato semiaperto, una rigenerazione inaspettata sul fronte della rugiada, la consistenza di una fioritura, forse il risveglio.

Le opere di Delluzio sono nature morte attraversate da un soffio vitale, in bilico, nel passaggio tra il non più e il non ancora. Ciò che contiene la fragilità del tarassaco, in parallelismo col bicchiere d’acqua, una pietra friabile come un libro aperto, come farebbe un mago che sposta i tesori e trattiene la meraviglia. Un big bang privato, un miracolo, l’universo rifatto dalla terra e dal latte, l’autore che si fa un po’ nutrice e un po’ dio. Il buio da dove viene la luce.



Lo spazio e il tempo
icon

Lo spazio e il tempo
Antonio Delluzio

Se le parole fiorissero
icon

Se le parole fiorissero
Antonio Delluzio

Il peso del sogno
icon

Il peso del sogno
Antonio Delluzio

E se i sogni fossero davvero pieni di pepite d'oro?
icon

E se i sogni fossero davvero pieni di pepite d'oro?
Antonio Delluzio

Equilibri
icon

Equilibri
Antonio Delluzio

Quotidiano vivere
icon

Quotidiano vivere
Antonio Delluzio

C'era una casetta col tetto rosa a pois
icon

C'era una casetta col tetto rosa a pois
Antonio Delluzio

Erotismo
icon

Erotismo
Antonio Delluzio

Isola
icon

Isola
Antonio Delluzio

In tre nell'universo
icon

In tre nell'universo
Antonio Delluzio

Oasi
icon

Oasi
Antonio Delluzio

Incontri
icon

Incontri
Antonio Delluzio

Il riposo del guerriero
icon

Il riposo del guerriero
Antonio Delluzio

Attesa
icon

Attesa
Antonio Delluzio

Interstellar #1
icon

Interstellar #1
Antonio Delluzio

Interstellar #2
icon

Interstellar #2
Antonio Delluzio

Resistenza
icon

Resistenza
Antonio Delluzio

Un sogno imperfetto
icon

Un sogno imperfetto
Antonio Delluzio

Nella quiete
icon

Nella quiete
Antonio Delluzio

Una terra, anche se ostile, ti accoglie
icon

Una terra, anche se ostile, ti accoglie
Antonio Delluzio

Ho sognato il chiaro di luna
icon

Ho sognato il chiaro di luna
Antonio Delluzio

Il primo giorno
icon

Il primo giorno
Antonio Delluzio

Sei interessato alle opere di LO SPAZIO SUL COMODINO?
Contattaci per maggiori informazioni
Contattaci